COD 17/2017 – Ricerca di figure per percorso di formazione CCIAA Riviere Liguri
4 ottobre 2017
Dal 2018 riduzione del Quantitative Easing
6 ottobre 2017

Pubblicate dal MEF le linee guida sui PIR

Il Mef ha pubblicato le linee guida con i chiarimenti sui Piani individuali di risparmio (Pir) per dirimere alcune questioni interpretative sollevate dalle associazioni di categoria. Dal punto di vista soggettivo, il Mef ha in primo luogo sottolineato che ogni individuo può avere un solo Pir “nello stesso momento” e il regime agevolativo è indipendente dall’età del sottoscrittore: un Pir può quindi essere intestato anche a un minorenne. Le linee guida chiariscono, inoltre, le conseguenze derivanti dal trasferimento all’estero della residenza del titolare e le conseguenze derivanti dal decesso del titolare del Pir.

Le linee guida del Mef contengono anche delle novità sul fronte degli operatori finanziari che possono offrire i Pir alla clientela. In particolare viene data la possibilità di costituire direttamente i Pir alle società fiduciarie, che per conto dei propri clienti possono anche intestarsi un Pir costituito presso altro intermediario. Questa apertura consentirà anche ai residenti italiani di sottoscrivere i Pir con i capitali detenuti all’estero, se dichiarati al Fisco italiano attraverso l’adesione nel recente passato a qualche scudo fiscale o voluntary disclosure.

Per quanto riguarda il funzionamento del Pir vengono forniti chiarimento in merito alle modalità di costituzione; alle movimentazioni (cessione e rimborso) degli strumenti finanziari contenuti nel Pir con particolare riguardo alle modalità di computo del vincolo di detenzione quinquennale; agli eventi che comportano l’attivazione del meccanismo di recupero a tassazione (cd. recapture) precisando quale aliquota si applica.