Il progetto 

Le emissioni di mini-bond che sono state realizzate nel corso del primo biennio di attività dello strumento ne hanno evidenziato le notevoli potenzialità di sviluppo ma hanno anche messo in risalto un limite strutturale alla sua più ampia diffusione presso le imprese.

I costi necessari alla realizzazione di tali emissioni, infatti, sono ancora tali da scoraggiare operazioni di importo limitato.

Ne è derivato un mercato costituito in gran parte da imprese di dimensioni medie o grandi che ha di fatto escluso tutte quelle aziende meno strutturate che costituiscono la grande maggioranza del nostro tessuto imprenditoriale.

L’obiettivo che ci si propone di raggiungere con questo progetto è proprio quello di realizzare un percorso operativo che permetta di verificare la fattibilità e realizzare le azioni propedeutiche al lancio di una operazione di cartolarizzazione di un portafoglio di mini-bond emessi da imprese operanti in regione, valorizzando tutti gli strumenti, regionali e nazionali, che possono essere mobilitati per dare avvio alla successiva fase operativa.

Lo scopo di queste attività sarà la predisposizione di un modello operativo che sarà successivamente presentato e condiviso con gli operatori del mercato al fine di realizzare l’operazione di cartolarizzazione.

Modello operativo mini-bond_Finance4Food


Contenuti Collegati:

Dalla newsletter_I mini-bond di territorio. Comincia la fase 2.0 – maggio 2015

Dalla newsletter_ Mini-bond di territorio. L’evoluzione della specie – dicembre 2014